fbpx

Aperto un fascicolo di indagine per chiarire la sussistenza di eventuali responsabilità in relazione al decesso di una ragazza di 26 anni morta per un malore improvviso mentre si trovava in vacanza in provincia di Crotone; il referto medico attesta il decesso per arresto cardiaco

La Procura di Crotone ha aperto un’inchiesta sul decesso di una turista di 26 anni, morta dopo un malore improvviso accusato mentre si trovava in vacanza in provincia di Crotone. Trasportata dal 118 presso l’ospedale del capoluogo di provincia calabrese, la giovane è morta poco dopo.

I familiari hanno presentato un esposto chiedendo che venga fatta piena luce sull’accaduto e venga valutato l’operato dei sanitari che hanno avuto in cura la loro congiunta. Il dubbio – come riporta il Quotidiano del Sud – e che i medici non abbiano saputo individuare le terapie giuste per salvare la ragazza.

Il Pubblico ministero titolare del fascicolo ha quindi disposto lo svolgimento dell’esame per chiarire le cause del decesso e valutare la sussistenza di eventuali responsabilità. In vista dell’accertamento tecnico irripetibile, già eseguito nelle scorse ore, sono stati iscritti nel registro degli indagati, come atto dovuto, i nomi di quattro operatori sanitari del nosocomio crotonese.

Secondo la tesi difensiva, la donna, giunta in ospedale in condizioni già critiche, potrebbe essere morta per un infarto. Il referto medico – riferisce ancora il Quotidiano del Sud – attesta il decesso per arresto cardiaco. Gli esami peritali dovranno fornire risposte circa possibili condotte negligenti, imprudenti o imperite costate la vita alla giovane vittima.

Sei vittima di errore medico o infezione ospedaliera? Hai subito un grave danno fisico o la perdita di un familiare? Clicca qui

Leggi anche:

Emorragia cerebrale dopo il ricovero in ospedale, aperta inchiesta a Udine

Complicanze dopo una isterectomia, quattro medici condannati per lesioni

Morta dopo un intervento alla colonna vertebrale, due medici a giudizio

Scrivi il tuo commento

Massimo risarcimento danni, in tempi brevi